Incontro a Genova per “soli maschi”!

Copio e incollo il seguente messaggio giunto nella Lista di discussione archivistica Archivi23

“Martedì 13 novembre 2007, alle ore 17, a Genova, presso l’Archivio di Stato,
via di Santa Chiara 28r, sarà presentato il volume “L’Archivio
dell’Ispettorato Compartimentale Agrario di Genova” pubblicato nella collana
“Archivio Storico della Regione Liguria – Studi e inventari”.
Interverranno l’Assessore all’Organizzazione, Risorse Umane, Finanziarie,
Strumentali e Informatica della Regione Liguria Giovanni Battista Pittaluga,
il Direttore dell’Archivio di Stato di Genova Paola Caroli, il
Soprintendente Archivistico per la Liguria Elisabetta Arioti, il Dirigente
del Ministero per i Beni e le Attività culturali Maria Grazia Pastura, il
Docente di Storia dell’Università di Genova Diego Moreno e il Docente di
Archivistica dell’Università di Genova Ausilia Roccatagliata.

L’iniziativa è organizzata dalla Regione Liguria in collaborazione con
l’Archivio di Stato di Genova.
La presente comunicazione vale come invito.
Ai partecipanti verrà consegnata una copia del volume.
Franca Canepa – Regione Liguria”

Carino vero?

Ma quanto costa dire “la Docente”, “la Soprintendente”, “la Dirigente”, “la Direttora, la direttore, la direttrice” o come si vuole. Ma quelle delle scuole elementari lo erano, “direttrici” – lo giuro, me la ricordo la mia come fosse oggi. Però salendo di grado, si lascia per strada il suffisso “ice”. Che è perdita da non rimpiangere, perchè accomuna donne e cose: trebbiatrice, seminatrice e via oggettivando. Però, tenete conto che le signore citate sono tra i gradi più alti e visibili della Pubblica Amministrazione. Ma visibili come? Nelle bibliografie, diventano: P. Caroli, MG Pastura, A.Roccatagliata ecc.; con in aggiunta un bel titolo come docente, direttore e via così, ecco che la visibilità femminile nei ruoli e nelle professioni di responsabilità subisce un notevole colpo. Anche perchè i comunicati stampa sono in linea con questo stile, e i/le giornalisti/e si adeguano a maggior ragione (non sia mai che qualcuno/a prende un’iniziativa un pò autonoma…)

Nel frattempo, in contemporanea, al Festival della Scienza, sempre qui a Genova, c’è una mostra e si è tenuto un Convegno affollato sulle “Donne scienziate che sono state derubate del Premio Nobel”, e a breve si terrà un altro Festival, sull’Eccellenza femminile, a 360 gradi. (del quale vi darò informazione)

Ma me lo spiegate cosa serve tutto ciò, se poi non abbiamo nemmeno il coraggio di nominare il nostro essere donne, per paura che sminuisca il tanto faticato traguardo raggiunto di professionalità e responsabilità? Come ha già detto benissimo Adriana nei suoi precedenti post (Adriaaaaana…dove sei? C’è bisogno di te!)

Annunci

1 commento su “Incontro a Genova per “soli maschi”!”

  1. Proprio per distinguere oggetti e persone: è autorizzato direttora, e in genere i suffissi in -tora e in -sora, ma tant’é, le consuetudini sono lunghe a morire.
    Come timido tentativo segnalo che durante un servizio di un telegiornale, non so più di quale Rai, nel giro di 5 minuti si sono avute due dizioni: la prima ministra (grande compiacimento da parte mia), dopo due minuti la stessa giornalista ha detto il ministro.
    Scoramento, ma, a pensarci bene, segno di esitazion, buon segno

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...